Sbiancamento dentale

Sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dentale è un trattamento di odontoiatria estetica utile a eliminare le discromie dei denti, che con il tempo tendono a ingiallirsi e a presentare macchie e difetti del colore.

Le nuove tecniche attraverso il laser e i materiali utilizzati che si attivano attraverso lo stesso fascio di luce, permettono di ottenere uno sbiancamento dentale estremamente soddisfacente, con un risultato estetico che restituisce candore e una nuova luce ai denti.

Sbiancamento dentale Roma Prati

È invasivo?

Lo sbiancamento dentale professionale non è di tipo invasivo, in quanto avviene in modo indolore e con tutte le precauzioni del caso, per non creare disagi ai tessuti molli circostanti.
Per i pazienti che hanno già in atto una parodontite con sacche parodontali, per cui avviene una ritrazione dell'osso e anche del tessuto gengivale, potrebbe esserci qualche fastidio non durevole.
L'uso della cosiddetta "diga", cioè una mascherina in silicone che protegge il cavo orale, permette all'odontoiatra di garantire il paziente da potenziali contaminazioni.
L'unico inconveniente che perdura per qualche giorno è la sensibilizzazione dei denti e dei bordi gengivali, che tuttavia scompare spontaneamente.

Prima di eseguire questo trattamento estetico sbiancante sui denti è necessaria una visita preliminare per accertarsi che il cavo orale sia in salute.
È sempre opportuna l'igiene dentale professionale, per eliminare eventuali accumuli di placca e tartaro. La loro presenza, infatti, indica che si sono formate colonie batteriche che possono intaccare i denti, fino a creare la carie e altri problemi che dalla stessa derivano.
Avere il cavo orale igienizzato e senza ostacoli allo sbiancamento è la base indispensabile perché il risultato sia uniforme.

Cosa accade durante lo sbiancamento dentale?

Lo sbiancamento dentale si realizza con l'azione combinata del gel sbiancante Opalescence® attivato dal laser, che penetra in profondità lo strato di dentina, fino a frantumare i pigmenti cromatici. Questo effetto si ottiene grazie all'azione del perossido di idrogeno che sbianca le molecole causa del colore giallastro o più scuro.

Bisogna ricordare che ognuno ha un bianco dei denti estremamente personale, per cui lo stesso trattamento estetico sbiancante porterà a migliorare il colore che è connaturato al paziente.
Non c'è alcun pericolo che i denti vengano in qualsiasi modo danneggiati o che perdano le sostanze minerali, in quanto il pH del gel è neutro.
Sono diversi gli studi medico-scientifici che hanno dimostrato come non si instaura alcun processo aggressivo sui denti, sulla dentina e neppure sulle eventuali otturazioni e i materiali con cui sono state realizzate.

Al contrario, il Nitrato di Potassio e il Fluoro che sono contenuti nel gel Opalescence hanno anche il pregio di rinforzare lo stesso smalto, così da ridurre anche la possibilità di comparsa della carie.
L'azione che svolge il gel sbiancante consiste esclusivamente nel ridurre l'ossidazione della dentina e favorire la salute del cavo orale.

Sbiancamento denti Roma

Sbiancare i denti con una seduta professionale dal dentista o usare i prodotti in farmacia?

Lo sbiancamento dentale professionale e anche quello realizzato usando i prodotti in vendita nelle farmacie sono efficaci soltanto sui denti naturali.
Dove ci sono ricostruzioni o i denti che hanno subito un restauro con le corone, le sostanze sbiancamenti non agiscono.

Il rischio che si corre è quello di schiarire la tonalità degli elementi dentari circostanti e di vedere gli altri rimanere comunque di una cromia più scura. Si otterrebbe, dunque, un effetto antiestetico notando la differenza di colore, in quanto nessuna sostanza sbiancante è in grado di agire sulla ceramica o sull'amalgama delle otturazioni.
Al quesito riguardante se sia meglio un prodotto sbiancante acquistato in farmacia oppure una seduta professionale dal dentista, la risposta è che molto dipende da quanto è concentrato il prodotto che deve portare a schiarire la tonalità dei denti.

Una seduta di sbiancamento dentale professionale permette l'uso di un gel che ha una concentrazione variabile da un minino del 10% fino al un massimo del 38%, in base alle esigenze del singolo paziente.
È comprensibile che il risultato a cui si può aspirare è il migliore possibile.

I prodotti farmaceutici hanno comunque un'efficacia minore e si applicano con strisce imbevute della sostanza sbiancante o con pennelli, tentando di tenere i tessuti molli a debita distanza per non avere disagi conseguenti.
Risulta evidentemente un'operazione di non facile realizzazione, sia per evitare che il prodotto applicato si sposti e sia per ottenere il risultato atteso.

Un'ulteriore variabile che incide sull'ottenimento del miglior sbiancamento dentale è la durata del trattamento sbiancante, cioè per quanto tempo, a parità di concentrazione della sostanza sbiancante, si agisce sulla superficie dentale.
I prodotti che si trovano in farmacia per lo sbiancamento dentale sono indicati per trattamento superficiale. Non sono, però, adatti su discromie più serie presenti da diverso tempo e su denti che appartengono a pazienti avanti con gli anni.

Cause per cui i denti diventano gialli

Le cause che provocano un ingiallimento dei denti, discromie e macchie sulla superficie sono diverse.
Una di queste è l'età, in quanto più si è anziani maggiore sarà il problema che richiede il trattamento estetico dentale.

Lo stile alimentare è fra le prime cause a incidere in modo pesante su un processo degenerativo cromatico.

Molti cibi macchiano i denti e tra questi ci sono il caffè, il cioccolato, le verdure a foglia verde scura, il tè, il vino rosso, la liquirizia, le bibite gassate. Questi cibi e bevande con il tempo creano quella patina che si evidenzia sulla superficie e penetrano la dentina, come accade anche nel caso del fumo di sigaretta.

L'ingiallimento dei denti o le macchie sono provocate anche dall'assunzione di alcuni antibiotici che contengono tetracicline, in particolare durante l'infanzia quando i denti decidui lasciando il posto a quelli definitivi, ma anche dall'uso frequente di collutori con clorexidina.

Il cambiamento cromatico dei denti che può essere di varie gradazioni, fino ad arrivare al marrone e al nero, è dovuto anche a danni dello smalto di origine congenita e a un'esposizione eccessiva al fluoro (fluorosi).
Dalle cause non sono escluse anche cure endodontiche scorrette o una degenerazione dei denti devitalizzati.

Tutte queste cause si accentuano, provocando ulteriori danni, se l'igiene dentale è scorretta e discontinua, ma anche per le mancate visite periodiche dal proprio dentista di fiducia, che interverrebbe prontamente con i trattamenti odontoiatrici più indicati.

Cause Denti gialli

Quanto dura lo sbiancamento dentale professionale?

La durata dello sbiancamento dentale professionale dipende molto dalle abitudini alimentari e dallo stile di vita, come specificato nelle cause che portano all'ingiallimento dei denti.
In genere può estendersi da uno a 5 anni e si può ripetere senza controindicazioni.

Il candore dei denti di chi è nel mondo dello spettacolo è dovuto al loro bravo odontoiatra, quando si tratta di quelli naturali.
In altri casi sono state applicate le faccette dentali, sottili lamine che ricoprono la superficie del dente eliminando qualsiasi difetto e ripristinando non solo il candore, ma anche una forma e una traslucidità perfette.
Per aumentare la durata dello sbiancamento è bene evitare le cause che determinano la discromia, in particolare nella prima settimana dopo il trattamento.

Studio Rinaldi
  • Viale Giulio Cesare, 47 - 00192 Roma (RM)
  • P.IVA 07339131000
  • Iscrizione all'Albo provinciale dei Medici Chirurghi di Roma n°0000032211
    Iscrizione all'Albo provonciale degli Odontoiatri di Roma n°0000005276


dentisti-italia.it
Orari d'apertura
Lunedì 8:30 - 19:00
Martedì 8:30 - 19:00
Mercoledì 8:30 - 19:00
Giovedì 8:30 - 19:00
Venerdì 8:30 - 19:00
Sabato Su appuntamento
Domenica Chiuso
© 2019. «Dentisti Italia». É severamente vietata la riproduzione.